Hempyreum.org
Local Time
English (UK) Deutsch (DE) Français (FR) Español (ES) Italian (IT)
La Cannabis Light legale cos’è, perché è legale e cosa c’entra il CBD in tutto questo?
Autore: Redazione CiaoComo  29/12/2017 - 09:52:00

Il tema della Cannabis Legale o Light è di moda. E’ sulla bocca di tutti. Il motivo, se vogliamo cercare il condensato in unità ricorrenti della narrazione che la circonda, è la sua “sorprendente” liceità. Rimasta tanto a lungo avvolta nelle coltri nubi dell’illegalità, secondo alcuni troppo a lungo, oggi, che è stata liberalizzata la vendita – purché non superi la soglia del THC dello 0,2% – il fenomeno è stato improvviso come un fulmine a ciel sereno e ci ha fatto sobbalzare. Il sole improvviso che ha squarciato il cielo dopo tati temporali, ci ha svegliati dalla lunga anabiosi, ed ha sortito un effetto benefico sull’umore di molti, come fosse un tonico. Gli italiani si sono alzati una mattina accarezzati in volto dai raggi della legalità appena conquistata. Molti di coloro che avevano tenuto nascosta nelle tasche dei loro abiti morali una certa dose di risentimento per il castigo in contumacia durato così a lungo si sono rallegrati. Sarà anche perché esiste un movimento di liberalizzazione che attraversa gran parte del mondo occidentale, e che, anche in Italia ha i suoi accoliti, come sappiamo dal movimento di forze parlamentari che da tempo si battono per la liberalizzazione della Cannabis per uso terapeutico. O potrebbe anche essere per il semplice fatto che tutto ciò che viene sdoganato fa notizia, così è successo con l’aborto, così è successo con le nozze fra omosessuali, e così succede ora.  Ma attenzione che in Italia esiste un movimento ancora più radicale, quello della legalizzazione ed è per questo che la recente approvazione della legge sulla regolamentazione della Cannabis per uso terapeutico (quello intendiamo qui psicotropa con elevato tenore di THC) è passata si, ma ha deluso alcune correnti politiche come ben testimonia questo recente articolo (del 10 ottobre 2017) apparso su Espresso (versione on line) a firma di Federico Marconi dal titolo: “Cannabis terapeutica, ok della Camera. Ma la legge non piace a nessuno: «Norma ipocrita»”.

CANNABIS LIGHT COS’ E’ E COME LA SI COLLOCA NELL’AMBITO DEL MERCATO DEL CONSUMO

Resta il fatto che la Cannabis Light non è un semplice passatempo o un nuovo gioco di società fatto, magari, per sfidare i benpensanti, in realtà viene fra noi per suonare tutta un’altra musica. Per essere chiari la Cannabis Light è legale, come dicevo, se ha il THC inferiore allo 0,2% ma, siccome le piante non sono delle macchine, ma esseri viventi, è permessa un’oscillazione fino allo 0,6%. Si sa infatti che le genetiche della Sativa da cui si trae la Light sono state ottenute con metodi agronomici innovativi basati su accurati studi botanici che hanno implicato molte ricerche internazionali protrattesi per quasi una ventina di anni con ampie sperimentazioni sul “campo” (è proprio il caso di dirlo). In questo modo è stato possibile dare origine a varietà tanto depotenziate dal punto di vista degli effetti sulla psiche da non poter più essere considerate degli stupefacenti. Anche se non è propriamente la Cannabis ad essere vietata ma la presenza della sostanza psicotropa del THC (AKA Delta-9-tetraidrocannabinolo) che, appunto, benché le piante possono oscillare di concentrazione fino ad un massimo dello 0,6% resta sempre una quantità irrisoria considerando che la Marijuana illegale ha punte di THC oltre quota 30%.

Dall’effetto di sottrazione del principio attivo del THC, che è ridotto proprio all’osso, deriva il nome di “Cannabis Light”, ovvero “leggera” di THC. Tuttavia, per quei pochi esibizionisti che potrebbero pensare di sfoggiare la loro spavalderia fumando in pubblico, come per esempio è successo in Svizzera, le forze dell’ordine la possono sempre sequestrare per fare gli opportuni accertamenti. Si faccia attenzione però alle conseguenze. Infatti, se poi il lotto si dovesse dimostrare essere quello della Light allora, invece delle manette, il pubblico ufficiale dovrà far scattare le scuse: c’est la vie!

Possiamo stare tranquilli, non è un’erba da sballo, non è solo una moda, non è passaparola per alimentare il chiacchiericcio, ma allora, cos’è? Buona domanda. La riposta non è univoca. Come ogni bene di consumo che si carichi di affetti, elementi valoriali, e qui persino di simboli e tabù, non esiste una sola riposta. Noi però ne daremo una coraggiosa che cavalca un aspetto decisamente non banale e che con la liberalizzazione e gli sdoganamenti, ha poco o nulla a che vedere. Perché non siamo interessati ai fenomeni di costume ma all’apporto valoriale che il suo consumo può dare. Sarebbe utile ora rammentare che la Cannabis è una pianta che ha un incredibile “pedigree”, e le sue applicazioni sono conosciute e apprezzate dall’uomo da quasi dodici mila anni.

LA CANNABIS LEGALE ED IL CBD: UN CONNUBIO CASUALE?

Il THC è solo uno dei circa cento cannabinoidi conosciuti della pianta ed ha un altro ospite illustre e altrettanto famoso il CBD (AKA Cannabidiolo). La ricerca sul Cannabidiolo è, in realtà, uno dei motori propulsivi che hanno spinto e sostenuto l’innovazione che ha portato alla nascita della Cannabis Light, la cui legalità può essere imputata anche alla possibilità di far arrivare sul mercato il CBD. I coltivatori infatti sono alla ricerca di varietà da cui estrarre molto CBD (genetiche cioè con molto CBD senza quasi THC) da convertire in oli o in altri preparati per la sua somministrazione come le pomate, le cere, ecc. La Cannabis Light non è un progetto per l’esibizionismo, dunque, ma per la terapia.  Lo rammentiamo, a chi non lo sapesse, che il CBD è sotto accurata indagine da parte della ricerca medica che gli riconosce grandi doti come dimostra il sito governativo americano il US National Library of Medicine National Institutes of Health su cui sono pubblicati tutti i risultati, molti dei quali ancora poco esplorati e sconosciuti nel bel paese.

Di fatto, le Cannabis Light Legali che si possono acquistare sono di due tipi: quelle a basso contenuto di CBD mescolate persino con i semi, oppure quelle ricche di CBD. Sono queste le Cannabis Light che hanno uno scopo. Oltre alla tipica profumazione e fragranza, grazie al Cannabidiolo, regalano tranquillità, benessere, calma mentale: oggi qualcuno negli USA, inizia persino a parlare di lui in termini di una sostanza nootropa. C’è una nota amara: sebbene vi siano molti studi e ricerche internazionali che avvallano l’esistenza degli effetti benefici del CBD per l’uomo, questo non è sufficiente a dimostrare che sia veramente utile. Almeno non secondo il sistema sanitario pubblico o la farmacopea italiana che, appunto, non lo marginalizza affatto, lo ignora, così è più semplice!

LEGAL WEED E SEED OF LOVE DUE CANNABIS LIGHT LEGALI CON ELEVATE DOSI DI CBD

Legal Weed è un progetto che nasce dalla collaborazione di esperti internazionali nel settore Cannabico. Tutta la gamma prodotti, commercializzata liberamente anche in Italia, è stata sviluppata grazie ad una sapiente selezione di piante provenienti dalle coltivazioni indoor e outdoor di Cannabis biologica.  Cosa significa Cannabis Biologica? Semplice: si tratta di piante cresciute in piantagioni che non fanno uso di pesticidi, diserbanti, fertilizzanti ecc., insomma sono piante coltivate con tecniche di agricoltura biologica. Il motivo per cui è decisivo questo aspetto è di privare la pianta dalla presenza di inquinanti e contenuti chimici che poi non verrebbero eliminati perché le infiorescenze non si trattano con solventi o con processi di rifinitura, perciò è quintessenziale che la pianta sia bio. Lo stesso vale per il brand Seed Of Love, e, in entrambe le selezioni, le relative piantagioni sono dislocate in diversi paesi ma provengono da varietà selezionate, certificate e autorizzate per la coltivazione in Europa. Il contenuto di THC, in tutte le tipologie e formati, è nei limiti consentiti dalla legge. Legal Weed e Seed of Love si contrassegnano per lespiccate concentrazioni di CBD con cui arrivano sul mercato. In alcune genetiche i arriva a quote oltre il 16% e la Virginia West ha picchi di CBD oltre la soglia del 25%. Provarle è più semplice di quanto si creda. Si possono ordinare on line e ricevere in confezione anonima per il giusto rispetto della privacy, basta un click. Ecco uno dei più forniti cataloghi on line di Cannabis Light Legale lo puoi scoprire subito.

L'articolo La Cannabis Light legale cos’è, perché è legale e cosa c’entra il CBD in tutto questo? sembra essere il primo su CiaoComo.

Articolo originale su ciaocomo.it:La Cannabis Light legale cos’è, perché è legale e cosa c’entra il CBD in tutto questo?

..


info
Pagine totali / lingua:   38'467 / 6'124
Nell'archivio :   46'558
Pagine ultime 24 ore:   42
Questo mese pagine:   672
Visualizzazioni:   14'887'3043'216'867
Visualizzazioni Archivio:   14'819'415

©2018 - Hempyreum.org - Aggregatore di notizie sulla Canapa e la Cannabis [Beta] | Tutti i diritti e la proprietà dei contenuti presenti sono di appartenenza dei rispettivi titolari

Pubblicità