Hempyreum.org
Local Time
English (UK) Deutsch (DE) Français (FR) Español (ES) Italian (IT)
Il ministero risponde: “La cannabis arriverà”, i pazienti: “Non possiamo più aspettare”
Autore: Mario 13/12/2017 - 14:59:00

La risposta del ministero della Salute alla lettera aperta del comitato Pazienti Cannabis Medica che chiedeva un’importazione immediata d’urgenza per tamponare l’emergenza cannabis che ormai introvabile in tutta Italia, è arrivata. 

Cinque righe firmate dalla dottoressa Germana Apuzzo, direttore dell’Ufficio centrale stupefacenti del ministero, in cui viene spiegato che con l’emendamento cannabis approvato nel decreto fiscale, sono previsti un aumento di produzione a Firenze e le quote di importazione dall’estero. 

Insomma, una risposta simile a quella che il ministro Lorenzin aveva dato alle Iene nel servizio di Giarrusso sull’Alzheimer, limitandosi a dire che le piantine di cannabis hanno bisogno di tempo per crescere. Tempo che purtroppo per i malati, che in migliaia sono rimasti senza la propria terapia, è finito da un pezzo. 

“Apprezziamo il fatto che ci abbia risposto, visto che ad oggi non era mai successo, ma comunque siamo delusi perché non viene risolta la carenza di cannabis che potrebbe essere tamponata con un’importazione d’urgenza che è quella di cui abbiamo bisogno. Ci siamo informati e si potrebbe fare in tempi rapidi un’importazione dalla Bedrocan di una decina di chilogrammi che andrebbero distribuiti direttamente dagli importatori e potrebbero aiutare in attesa della cannabis del 2018. Perché non farlo?”

Il ministero della Salute ha in realtà preparato un bando per l’importazione di circa 100 chilogrammi di cannabis che però, nel migliore dei casi, non sarà disponibile prima di febbraio. “Da ciò che sappiamo è un bando al quale parteciperanno diverse aziende che andranno esaminate; una volta vinto il bando l’azienda prescelta invierà la cannabis a Firenze per le analisi prima di essere distribuita, ma l’emergenza è adesso”.

La notizia della risposta del ministero arriva direttamente da Elisabetta Biavati, tra i fondatori del neonato comitato, con la voce rotta e affaticata dai dolori visto che da giorni è costretta a limitare l’uso di cannabis per cercare di preservare le poche scorte rimaste.

Il problema principale rimane il fatto che il ministero della Salute continui a sottostimare il fabbisogno di cannabis dei pazienti italiani. Il direttore dello Satibilimento di Firenze Antonio Medica ha spiegato di recente che con l’ampliamento della struttura si arriveranno a produrre 150 chilogrammi di cannabis l’anno dal 2019. Non solo, perché il ministro Lorenzin ha ribadito che il fabbisogno di cannabis per l’Italia è di 300 chilogrammi l’anno, quantitativo che nel 2017 è stato in pratica esaurito a giugno.

Per capire come viene gestita la cannabis in altri Paesi in cui è legale dal punto di vista medico, basti sapere che in Israele con 8 milioni di abitanti e 30mila pazienti nel 2016 sono state distribuite 11,5 tonnellate di cannabis medica. In Canada, con 35 milioni di abitanti e 200mila pazienti circa 9 tonnellate in aggiunta a quella che oltre 10mila pazienti sono autorizzati a coltivare per sé. In Italia, con 65 milioni di abitanti ed i pazienti in costante crescita, secondo il ministro della Salute il fabbisogno è di 300/350 chilogrammi l’anno.

“Non si rendono conto che il numero di pazienti sta aumentando a livello esponenziale. Io lo so perché parlo con i medici. In ospedale ieri diversi neurologi mi hanno spiegato che hanno iniziato a prescriverla, peccato che non ce ne sia più nelle farmacie. L’anno prossimo rischiamo di trovarci in una situazione perfino peggiore“.

Intanto Elisabetta sta razionando la poca cannabis che le è rimasta. “Faccio fatica a parlare ed il tremore è notevole e non mi permette di stare in piedi da sola. 15 giorni fa dopo essermi alzata in piedi ho perso l’equilibrio e non riuscendo più a camminare sono caduta: mi sono rotta una costola ed il setto nasale. Non avere la continuità terapeutica per me significa anche non mangiare e perdere peso costantemente. Il Bedica arriverà fino a fine gennaio, ma non so se ci arriverò io”, conclude, trovando la forza, nonostante tutto, di fare un sorriso. “Cerco di non pensarci, con la speranza che lo Stato possa intervenire prima per tutelare la salute mia e di migliaia di altri pazienti”.

Mario Catania

Articolo originale su cannabisterapeutica.info:Il ministero risponde: “La cannabis arriverà”, i pazienti: “Non possiamo più aspettare”



19/01/2018 - 09:01:00
info
Pagine totali / lingua:   27'565 / 5'052
Nell'archivio :   46'558
Pagine ultime 24 ore:   24
Questo mese pagine:   754
Visualizzazioni:   6'697'02315'837
Visualizzazioni Archivio:   10'218'158

©2018 - Hempyreum.org - Aggregatore di notizie sulla Canapa e la Cannabis [Beta] | Tutti i diritti e la proprietà dei contenuti presenti sono di appartenenza dei rispettivi titolari

Pubblicità