Hempyreum.org
Local Time
English (UK) Deutsch (DE) Français (FR) Español (ES) Italian (IT)
Gestire l’alcolismo con la cannabis
Autore: laia  30/09/2018 - 10:00:00

La cannabis e l’alcol sono stati usati dall’umanità in modo ricreativo per millenni. I vari tentativi di controllare l’alcol (attraverso il proibizionismo) sono sempre stati vani, con la cannabis che ha subito le simili misure legali in molti luoghi. Storicamente, la cannabis è stata etichettata come la più pericolosa tra le due sostanze, mentre l’alcol è stato controllato dallo stato e ampiamente disponibile, in quanto un lubrificante sociale preferito da molti. Ció nonostante, e come sappiamo oggi, legale non significa sano.

A parte la grande disponibilità e accettazione della sostanza, la legalizzazione dell’alcol dà al consumatore un falso senso di sicurezza, di consumo di una sostanza sicura e controllata.

Grafico con il danno causato da varie sostanze (British Medical Journal)

Purtroppo, a parte del danno causato dall’alcol nel cervello e nel corpo, c’è un costo sociologico ancora maggiore, incluso un impatto sul tasso di criminalità commesso e, in troppe occasioni, fomentando la violenza, la sensazione di assenza di rischio, falsa sicurezza, ecc.

Il problema è quindi endemico, sebbene le ultime ricerche puntino precisamente al fatto che la cannabis potrebbe essere uno strumento utile per trattare l’alcolismo.

Riduzione del danno per sostituzione

Le prove dimostrano che, quando parliamo di riduzione del danno, la cannabis è in realtà una fantastica alternativa a praticamente tutto il resto delle opzioni disponibili offerta dai medici. Uno studio del 2009 afferma che:

“La sostituzione di una sostanza psicoattiva con un’altra per ridurre gli effetti negativi può essere inclusa nel quadro della riduzione del danno. I pazienti di cannabis medica hanno raggiunto questa sostituzione con l’uso della marijuana come alternativa all’alcol, alle droghe prescritte e alle sostanze illegali.”

Oltre a questi, ben documentati, gli effetti fisici avversi, l’alcol è uno dei farmaci più difficili da lasciare, con molti casi di morte a causa di gravi sindromi da astinenza. Inoltre, coloro che riescono a smettere di bere alcolici devono spesso affrontare sintomi come convulsioni, tremori, confusione, irritabilità e persino allucinazioni e altri problemi mentali.

L’alcolismo può portare a un gran numero di problemi

Negli Stati Uniti, dove la cannabis medica è in stato legale da molti anni, molti dottori hanno condotto le loro prove e studi. Il dott. Tod Mikuriya ha prescritto la cannabis medicinale ai pazienti con alcolismo e nel 2004 ha presentato il suo studio sulla cannabis come sostituto dell’alcool.

In questo studio, Mikuriya ha somministrato cannabis medicinale a 92 pazienti con problemi di dipendenza da alcool. Ognuna delle 92 persone coinvolte ha visto una significativa riduzione del consumo di alcol e dei problemi che ne derivano. Di tutti loro, 9 pazienti sono riusciti ad abbandonare completamente l’alcol per più di 12 mesi, attribuendo alla cannabis gli effetti positivi che sentivano.

Un altro studio del 2009, questa volta condotto da Amanda Reiman della School of Social Welfare dell’Università della California, ha prodotto risultati altrettanto promettenti. I pazienti a cui è stata prescritta la marijuana medica hanno mostrato una forte riduzione del consumo di alcol e / o di altri farmaci, nonché una conseguente riduzione dei problemi di salute associati a tale consumo.

Altre indagini condotte in Canada dal Dr. Zach Walsh hanno a loro volta ottenuto risultati positivi:

“I risultati indicano che l’uso della cannabis può essere percepito come un sostituto dell’alcool e di altre droghe tra i pazienti di cannabis medica”.

Uno studio più recente nel 2014, guidato da Meenakshi Sabina Subbaraman con l’Istituto nazionale su abuso di alcool e l’alcolismo (National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism) ha concluso che:

“Sebbene più ricerche e migliori disegni per studi sono necessari per capire meglio l’impatto del consumo di cannabis come sostituto per chi soffre di problemi con l’alcol, la cannabis sembra essere un potenziale sostituto di alcol. Forse ancora più importante, la cannabis è più sicura e meno potenzialmente additiva rispetto alle benzodiazepine e ad altri farmaci comunemente classificati come sostituti dell’alcool “.

Oltre alla riduzione del danno

La cannabis può aiutare chi soffre di alcolismo aiutando a liberarsi da questa dipendenza dannosa. Inoltre, è stato recentemente dimostrato che uno dei cannabinoidi presenti in alcune varietà di cannabis, CBD o cannabidiolo, protegge efficacemente il fegato dai danni causati dallo stress ossidativo derivante da un uso prolungato di alcol. Inoltre, il CBD aiuta a prevenire la riduzione dell’autofagia, causata anche dall’alcol:

“Cannabidiolo può prevenire steatosi nel fegato causata dall’alcol nei topi, eventualmente impedendo un aumento dello stress ossidativo e attivazione della JNK MAPK … Inoltre, la CBD può prevenire la riduzione autofagia indotta dall’alcol il modo significativo”.

Vale la pena notare che il CBD non è un cannabinoide comune in tutte le varietà di cannabis, così tutti coloro che cercano di approfittare delle sue numerose proprietà medicinali per combattere l’alcolismo o altre malattie cercheranno varietà ricche di CBD in concreto piante coltivate espressamente per l’alto tasso di questo composto.

L’uso continuato di alcol provoca danni al cervello

Protezione del cervello

Si trovano prove su come il CBD può anche proteggere il cervello dai danni causati dall’eccesso di consumo di alcol:

“I risultati dimostrano la fattibilità dell’uso di sistemi transdermici per la somministrazione di CBD per il trattamento della neurodegenerazione indotta dall’alcol”.

Non solo, uno studio del 2018 pubblicato sulla rivista Nature indica che la CBD può anche essere utile nella prevenzione della fase recidiva nei pazienti che stanno provando di smettere di abituarsi a usare sostanze che creano dipendenza, come l’alcol:

“Il potenziale terapeutico del CBD per il trattamento di numerosi disturbi neurologici e psichiatrici è stato studiato per molto tempo. I nostri risultati estendono il profilo terapeutico della CBD per trattare e prevenire le ricadute dei pazienti dipendenti da varie sostanze.”

Protezione del fegato

Un altro studio pubblicato nel 2018 e che ha coinvolto circa 300.000 persone ha rivelato che coloro che consumano cannabis effettivamente proteggono il loro fegato da molteplici malattie.

Più specificamente, è stata osservata una riduzione del 45% nella steatosi alcolica, del 40% nell’epatite alcolica, del 55% nella cirrosi e del 75% nel carcinoma epatocellulare (cancro del fegato).

Lo studio conclude:

“I risultati indicano che l’uso della cannabis è associato a una riduzione dei problemi al fegato negli alcolisti”.

Dovremmo menzionare che le persone che hanno preso parte a questo studio erano normali consumatori di cannabis, e non pazienti che hanno specificamente cercato di curarsi con la pianta. Si noti inoltre che il consumo di cannabis attraverso alimenti o estratti di resina, oltre a vaporizzare invece di fumare, offrirà risultati migliori.

Ricevitori CB1

Ricerche recenti suggeriscono che la cannabis svolgerà un ruolo importante nel trattamento dell’alcolismo attivando vari recettori nel corpo. I recettori cannabinoidi del nostro organismo, del nostro sistema endocannabinoide, sono stati scoperti negli anni ’80, con il recettore CB1 finalmente identificato nel 1990.

Si ritiene che il recettore CB1 abbia un ruolo fondamentale nella regolazione emotiva e nella memoria. Questo ricevitore è danneggiato dal continuo consumo di alcol e smette di funzionare normalmente, anche settimane dopo aver smesso di bere. Può essere serio, perché sembra che un corretto funzionamento del sistema endocannabinoide sia essenziale per essere in grado di resistere a stress o situazioni che possono causarlo.

Come possiamo vedere, ci sono molte prove che incoraggiano l’uso del CBD per trattare l’alcolismo e aiutare altre persone a superare le loro dipendenze, e anche a riparare in misura maggiore o minore il danno causato nel loro corpo da quest’ultime. Non invano, secondo uno studio pubblicato su Nature:

“In sintesi, i risultati forniscono una prova di principio che supporta il potenziale del CBD per la prevenzione delle rachaidas bidimensionali: azioni benefiche in vari stati di vulnerabilità ed effetti duraturi con trattamenti brevi”.

Saluti!

Articolo originale su philosopherseeds.com: Gestire l’alcolismo con la cannabis

..


19/10/2018 - 09:33:00
25/09/2018 - 07:36:00
info
Pagine totali / lingua:   39'322 / 6'253
Nell'archivio :   46'558
Pagine ultime 24 ore:   49
Questo mese pagine:   617
Visualizzazioni:   16'245'1973'746'287
Visualizzazioni Archivio:   15'525'857

©2018 - Hempyreum.org - Aggregatore di notizie sulla Canapa e la Cannabis [Beta] | Tutti i diritti e la proprietà dei contenuti presenti sono di appartenenza dei rispettivi titolari

Pubblicità